Sconfiggere la stanchezza primaverile con una corretta dieta

Sconfiggere la stanchezza primaverile con una corretta dieta
3.7 su 6 voti

rimedi stanchezza cambio stagione

Il cambio delle stagioni spesso si accompagna a spossatezza o a piccoli disturbi, specialmente se la stagione in arrivo è la primavera o l’estate: con l’arrivo del caldo, infatti, si tende a sudare di più, privando così il corpo di preziosi sali minerali e causando una maggiore stanchezza. L’arrivo della primavera è un problema anche per chi soffre di allergie stagionali: le allergie tendono a influenzare negativamente la qualità del sonno, mentre i farmaci antistaminici causano spesso stanchezza e spossatezza durante la giornata.

I nostri alleati più preziosi durante questi momenti di stanchezza sono i centrifugati e gli estratti: non si tratta né di frullati né di semplici succhi di frutta, ma di veri e propri concentrati di vitamine e sali minerali che hanno enormi benefici sul nostro organismo, aumentando le nostre energie e migliorando tutte le funzioni del corpo. I centrifugati e gli estratti, infatti, sono dei succhi che contengono tutte le vitamine e i sali minerali della frutta e della verdura con cui sono realizzati senza però averne le fibre: ciò consente di concentrare in un solo bicchiere tutti i micronutrienti presenti in 1 kg o più di frutta e verdura, quantità che sarebbe difficile da integrare nella normale alimentazione.

 

Alleati naturali contro la spossatezza

La vera forza di estratti e centrifugati sta nella loro ricchezza in micronutrienti: anche coloro che pianificano al meglio la propria alimentazione, infatti, si concentrano principalmente sulla ripartizione dei macronutrienti come carboidrati, proteine e grassi, mentre è più difficile pensare a una corretta ripartizione delle vitamine e dei sali minerali, che rappresentano i micronutrienti. Assumendo un estratto o un centrifugato è possibile fare il pieno di vitamine e sali minerali nella loro forma più naturale, assorbendoli rapidamente e senza dovere ricorrere a integratori.

 

Differenza tra estratti e centrifughe

Sia i centrifugati che gli estratti vengono realizzati a partire da frutta e verdura, utilizzandone tutte le parti: quello che cambia è il metodo utilizzato per estrarre acqua e principi attivi. Le normali centrifughe per uso domestico, infatti, sminuzzano la frutta o la verdura in piccolissimi pezzi e successivamente la fanno passare in un contenitore con dei forellini piccolissimi, che gira con un elevatissimo numero di giri al minuto: questa è la centrifuga vera e propria, che consente il passaggio dell’acqua in cui sono disciolti i micronutrienti presenti nella frutta e nella verdura. Negli estrattori, invece, la polpa della frutta o della verdura viene schiacciata e la centrifuga si muove molto più lentamente, a meno di 80 giri al minuto: ciò consente un’estrazione più completa delle sostanze nutritive e una maggiore qualità dell’estratto rispetto al centrifugato.

 

Libri in vendita:

frullato e mangiato librole virtu terapeutiche dei frullati-verdi librosucchi frullati librosucchi detox libro

 

Ricette per estratti, succhi e centrifugati

 

– Depurativa ed energetica

centrifugato verde

Esistono moltissime ricette di centrifugati o estratti: un ottimo estratto rinfrescante e corroborante da assumere nei mesi caldi, ad esempio, può essere realizzato centrifugando due gambi di sedano con tutte le foglie, due mele verdi e due kiwi. In generale, non è necessario togliere la buccia alla frutta che si vuole centrifugare; nel caso in cui si utilizzi frutta non biologica, però, è possibile farlo a livello precauzionale. La dimensione dei pezzi in cui tagliare la frutta e la verdura dipenderà invece dalla potenza dell’estrattore o della centrifuga che si ha a disposizione. Il centrifugato così ottenuto potrà essere assunto al mattino, 15 minuti prima della colazione, oppure utilizzato come spuntino a metà mattina o a metà pomeriggio: assumendo il centrifugato lontano dai pasti principali è possibile accelerarne l’assorbimento a livello intestinale, permettendo così di ottenerne subito i benefici.

Naturalmente, la stanchezza stagionale non è l’unico motivo per cui vale la pena di assumere estratti e centrifugati: la vita frenetica nelle città, che sono spesso ricche di inquinamento, porta infatti il corpo a desiderare e necessitare i micronutrienti di cui gli estratti sono ricchi, e ciò è vero in ogni occasione.

– Contro stress e stanchezza

carote sedano mele finocchio

Un’ottima ricetta per coloro che vogliono iniziare a integrare gli estratti nella loro alimentazione può essere questa, promossa dal dottor Giuseppe Cocca: carota, sedano, finocchio e mela in proporzioni variabili, fino a ottenere un estratto dal gusto gradevole. A questo estratto base possono essere aggiunti 1-2 ingredienti in base al gusto personale e a quello che il dr. Cocca chiama “desiderio”: quando l’organismo si abitua agli estratti, infatti, riesce a recuperare l’innata capacità di desiderare di assumere i cibi ricchi dei micronutrienti di cui ha bisogno. Naturalmente, non si tratta di desiderio nello stesso senso in cui si possono desiderare delle patatine fritte oppure un pasto al fast food, ovvero di un desiderio dettato esclusivamente dal gusto personale. Si tratta di un desiderio dettato dall’innata capacità del nostro corpo di desiderare ciò di cui si ha bisogno, allo stesso modo in cui una persona anemica potrebbe desiderare della carne al sangue. Assumendo centrifugati in modo regolare sarà possibile notare molti cambiamenti positivi nel proprio organismo: il sistema immunitario ne gioverà, si avrà più energia e si potrà anche notare una riduzione di eventuali dolori e acciacchi.

 

Quando assumere i centrifugati

Come per ogni cambiamento, è opportuno introdurre i centrifugati nella propria alimentazione andando per gradi: sarà possibile, ad esempio, iniziare a consumare un estratto al giorno, 15 minuti prima della colazione, per poi arrivare a 2 o 3 centrifugati al giorno, cercando sempre di assumerli lontano dai pasti. Occasionalmente e mantenendosi nell’ambito di una dieta bilanciata, inoltre, sarà possibile sostituire un pasto con due o più centrifugati. Un effetto riportato da molti di coloro che iniziano ad assumere i centrifugati è una diminuzione dell’appetito: sebbene possano sembrare molto simili all’acqua, infatti, i centrifugati rappresentano una fonte di nutrimento per il nostro corpo e come tale possono contribuire a fare diminuire il senso di fame. Tale effetto può essere indubbiamente di aiuto per coloro che vogliano perdere peso, ma può invece essere deleterio nelle persone sottopeso o che hanno in genere scarso appetito, in quanto potrebbero non riuscire ad assumere abbastanza calorie nella giornata.

Sebbene esistano molte incoraggianti testimonianze di persone che utilizzano estratti e centrifugati nell’ambito del trattamento delle malattie cronico-degenerative, bisogna ricordare che gli estratti non sono farmaci, e non sostituiscono in nessun caso le terapie e i consigli di un medico; possono però contribuire, nell’ambito di un’alimentazione equilibrata e di una vita sana, al generale benessere dell’organismo.

Ti potrebbero interessare...