Studiare bene senza fatica: alimenti che aiutano la memoria

 

Studiare richiede molte energie, e l’energia viene fornita proprio dai cibi che consumate quotidianamente. Giovenale diceva: mens sana in corpore sano e di certo non c’è affermazione più attuale di questa.

L’alimentazione tipica dello studente fuori sede o sotto esami è quella ricca di carboidrati e cibi spazzatura per non parlare delle bevande zuccherate che nella maggior parte dei casi sostituiscono quasi completamente l’acqua.

Quando poi ci si sente fiacchi mentalmente, si finisce per abusare di caffè o bevande energetiche rischiando poi di non riposare la notte e dare inizio ad un circolo vizioso.

Seguendo un’alimentazione sana ed equilibrata è possibile studiare bene senza alcuna fatica. Selezionando poi i cibi consumati con criterio avrete la possibilità di assimilare vitamine e minerali specifici che riescono a rafforzare le funzionai della memoria e l’attività cerebrale. Ecco quali sono i più indicati.

 
L’importanza di un’alimentazione sana

I pasti tipici dello studente sono pochi e sregolati, una delle abitudini più sbagliate è quella di saltare la colazione; non c’è nulla di più controproducente. Si studia meglio infatti la mattina con la mente riposata e fresca. La colazione corretta non è quella che comprende una merendina e una tazza di caffè, ma il primo pasto della giornata deve essere quello di un re!

La seconda abitudine sbagliata è quella di saltare i pasti e fare lunghe pause tra l’uno e l’altro. Perché la mente funzioni al meglio è fondamentale garantire un apporto di glucosio continuo dunque, i piccoli break sono estremamente utili. La vitamina che non deve mai mancare è quella denominata vitamina B1, contenuta in quantità elevate nei cereali e ne prodotti integrali. I carboidrati non devono mai mancare, meglio se integrali ma sempre in quantità limitate, e preferibilmente a colazione o pranzo. A cena, meglio stare leggeri.

 
La vitamina C e K: gli alimenti che non devono mai mancare!

Spinaci, cavoli e broccoli, e tutte le verdure a foglia verde ma anche arance e limoni, questi alimenti non devono mai mancare nella dieta di uno studente, che dovrebbe prevedere almeno tre porzioni tra frutta e verdure.

La vitamina K infatti è importantissima per migliorare le prestazioni cerebrali, inibisce infatti il declino della memoria aiutandovi a ricordare meglio e con maggiore facilità.

Insieme alla vitamina C contenuta negli alimenti elencati, è un vero toccasana per la mente degli studenti e non solo.

 
Dolci si, ma senza esagerare

Il glucosio aiuta a restare concentrati e svegli, ma non bisogna esagerare con i dolci. L’alleato sano in questo caso è il cioccolato fondente, perfetto perché aumenta la memoria e fa diminuire i livelli di stress grazie al suo elevato apporto di flavonoidi.

Il cioccolato fondente è l’alimento che più di ogni altro aiuta il vostro cervello ad ossigenarsi e funzionare al meglio.

 
L’uovo, un alimento da non sottovalutare

Un recente studio ha messo a confronto due gruppi di studenti, uno consumava regolarmente uova, l’altro no. Le funzioni cerebrali del primo, compresa la memoria erano molto più sviluppate.

La colazione british, con una omelette oppure un uovo alla coque non è poi così sbagliata come potrebbe sembrare. In alternativa l’uovo può essere consumato per una cena o un pranzo proteico.

 
La frutta secca

Vitamine, minerali e tante altre sostanze benefiche vengono apportate all’organismo dalla frutta secca. Noci, nocciole, mandorle e tutti quei frutti oleosi dal sapore estremamente gradevole sono perfetti per affrontare al meglio la stagione di studio invernale con la giusta carica.

La frutta secca vi aiuta ad aumentare la concentrazione e abbassare i livelli di stress. Insieme al pesce azzurro è uno degli alimenti più indicati per migliorare le funzioni cerebrali, gli omega 3 e omega 6, acidi grassi fondamentali sono essenziali per il buon funzionamento del cervello e non solo.

Queste sostanze aiutano a migliorare l’organismo ed il suo funzionamento in generale garantendo il benessere immediato.

 
 

Super integratore per aumentare le capacità mentali e fisiche

Un’alimentazione corretta dà i suoi frutto nel medio e lungo termine. Ci sono occasioni però dove occorre dare il meglio di sè in poco tempo; preparare la tesi e discuterla in pochi mesi, lavorare ad un progetto in team con scadenze imminenti o terminare un esame avendo la certezza di passarlo richiede uno sforzo che va oltre le normali capacità di memorizzazione. Se poi a tutto ciò si aggiunge il fatto di dover dormire meno per studiare di più, l’alimentazione deve essere integrata da un super food o mix di sostanze naturali atte a raggiungere l’eccellenza.

Non parliamo di droghe ovviamente che possono avere effetti collaterali dannose, ma di integratori specifici. Questo ad esempio, include oltre alle Vitamine del Gruppo B, un concentrato di sostanze presenti nel caffè e nel thè, due sostanze eccitanti che aiutano a rimanere svegli più a lungo. La differenza sostanziale tra bersi del normale caffè e assumere un integratore come questo è nel vantaggio di rimanere vigili senza avere la ricaduta nel breve tempo. Studiare intensamente mantenendo il cervello attivo controllando stress e stanchezza.

Il prodotto viene anche consigliato e utilizzato da culturisti che si allenano intensamente per raggiungere performance di alto livello o persone che devono rimanere sveglie la notte per lavori impegnativi.

super integratore per memoria e lavoro