Sonnolenza dopo aver mangiato

 
 

Sentirsi stanchi o avere difficoltà a concentrarsi dopo un pasto è relativamente comune.

Una persona può sentirsi particolarmente stanca a seconda di cosa mangia e di quanto mangia. Il corpo richiede energia per funzionare e questa energia è ottenuta attraverso il cibo.

Di seguito, saranno illustrate le cause e i rimedi per combattere la sonnolenza dopo mangiato.

 

Cause

Le carenze nutrizionali possono rendere difficile la digeribilità del cibo a causa di un cattivo sistema digestivo. Di conseguenza, non avrete abbastanza energia per sostenere le attività quotidiane e vi sentirete sonnolenti per tutto il giorno.

I pasti contenenti sia carboidrati, che le proteine ​​possono far sentire sonnolenza e stanchezza. Alcuni studi ritengono che una persona si senta stanca dopo aver mangiato, perché il corpo produce più serotonina.

Dopo mangiato, il corpo rilascia ormoni come amilina, glucagone e colecistochinina. Questi ormoni aumentano i livelli di zucchero nel sangue, creando una sensazione di pienezza e producendo insulina che sarà trasmessa attraverso i tessuti cellulari per fornire energia.

Allo stesso tempo, il cervello rilascia la serotonina che provoca sonnolenza. Inoltre, il cibo influenza anche la produzione di melatonina nel cervello. Questo è l’ormone responsabile della sonnolenza post-pasto.

La melatonina viene creata convertendo l’aminoacido triptofano in serotonina, che poi si trasforma in melatonina.

La serotonina è una sostanza chimica che svolge un ruolo nella regolazione dell’umore e dei cicli del sonno.

Un aminoacido chiamato triptofano, che si trova in molti alimenti ricchi di proteine, aiuta il corpo a produrre serotonina. I carboidrati aiutano l’organismo ad assorbire il triptofano.

Per questi motivi, mangiare un pasto ricco di proteine ​​e carboidrati può far sentire sonnolenza ad una persona.

 
 

Tipi di alimenti a cui prestare attenzione

 

Il triptofano è presente in alimenti ricchi di proteine, che includono:

  • Salmone
  • Pollame
  • Uova
  • Spinaci
  • Semi
  • Latte
  • Prodotti di soia
  • Formaggio

 
 
Gli alimenti che contengono alti livelli di carboidrati includono:

  • Pasta
  • Riso
  • Pane bianco e cracker
  • Torte, biscotti, ciambelle e muffin
  • Pannocchie di mais
  • Latte
  • Zucchero e caramelle

 
Una persona può essere più incline a sperimentare sonnolenza postprandiale dopo un pasto abbondante.

Mangiare troppo fa anche aumentare la glicemia e può seguire un calo di energia.

Altri fattori come l’insonnia e bere alcolici durante un pasto possono contribuire alla stanchezza.

 
 

Rimedi

Un calo di energia durante il giorno può essere particolarmente pericoloso per le persone che lavorano in condizioni rischiose, come quelle che utilizzano macchinari o veicoli.

Per prevenire la sonnolenza post-pasto, è meglio seguire una dieta equilibrata contenente verdure, cereali e grassi buoni per fornire energia continua al corpo.

Bere molta acqua e limitare l’assunzione di zucchero.

I seguenti possono aiutare a prevenire la stanchezza dopo un pasto:

mangiate poco e spesso, piuttosto che mangiare pasti abbondanti

mangiate pasti e spuntini più piccoli ogni due o tre ore per mantenere i livelli di energia. Un pezzo di frutta o una manciata di noci dovrebbe essere sufficiente per curare un calo di energia.

– Fate esercizio fisico leggero durante il giorno, specialmente dopo aver mangiato, in quanto può aiutare le persone a sentirsi meno stanche.

– Si consiglia anche di dormire almeno mezz’ora durante il giorno. Cattivi comportamenti del sonno possono anche causare sonnolenza post-pasto. Dopo un pasto, il corpo si sente pieno e rilassato, causando una sensazione di sonnolenza, in particolare se non avete dormito bene la notte precedente. Per evitare questo, migliorate le vostre abitudini di sonno per prevenire lo stress.

Alcuni dei cambiamenti più significativi che hanno aiutato a liberare molti individui dalla fatica post-pasto sono stati la riduzione degli alimenti a base vegetale nella dieta (cereali, fagioli e ceci), consumando meno carboidrati e aumentando l’assunzione di proteine.

 

Consulta la tabella dei cibi e valori nutrizionali ->>