Psoriasi: sintomi e dieta

Psoriasi: sintomi e dieta
4.3 su 20 voti

 
 

La psoriasi è una patologia della cute immunomediata, che affligge circa due milioni e mezzo di italiani. Interessa ugualmente sia uomini che donne e si manifesta soprattutto in due fasce d’età, ovvero tra i 20 e i 30 anni e in età più matura, tra i 45 e i 50 anni.

La psoriasi ha una predisposizione genetica, è caratterizzata dalla comparsa di macchie rosse che desquamano e ha un andamento cronico recidivante. Questo significa che, anche se guarisce, la psoriasi tende poi a ripresentarsi. Ci sono però delle misure che potete adottare non solo per curarla, ma anche per prevenirla; in questo articolo vi spiegheremo cos’è la psoriasi, come si presenta, come curarla e quali abitudini alimentari ne favoriscono la prevenzione.

 

Sintomi

Da non confondere con l’eczema o le dermatiti, la sintomatologia della psoriasi prevede la diffusione sulla cute di chiazze rosse che si desquamano; provoca prurito e spesso dolore, dato che la pelle colpita, oltre a prudere molto, tende ad essere molto secca, facilitando la formazione di piaghe e lesioni. Si manifesta in particolar modo su braccia, gambe, ginocchia, gomiti e cuoio capelluto e in alcuni casi può andare a ledere le articolazioni (artrite psoriasica), provocandone l’infiammazione, soprattutto per quanto riguarda quelle delle mani, piedi e tendini di Achille.

 
 

Possibili cause

Come vi abbiamo già anticipato, la psoriasi deriva da una predisposizione genetica. Tuttavia, ci sono delle cause scatenanti che possono favorirne la comparsa:

  • traumatismi meccanici (lesioni della cute, come graffi o tagli)
  • traumatismi chimici e allergici (dermatiti allergiche possono slatentizzare la psoriasi)
  • infezioni, soprattutto quelle del cavo orofaringeo, come il mal di gola
  • uso di farmaci betabloccanti, per esempio quelli per la pressione o per il cuore
  • fattori ambientali: infatti, se durante l’estate i raggi UV permettono una regressione della psoriasi, in inverno è più facile che si manifesti
  • abitudini di vita poco salutari, come il fumo
  • disordini metabolici, come ad esempio l’obesità e il diabete

 
 

Cure

Anche se tende a ripresentarsi nel corso della vita di un individuo, la psoriasi può essere curata; ci sono diversi metodi, che si differenziano per tecnica ed efficacia: è possibile applicare creme sulle zone interessate, a base di cortisone o contenenti vitamina D, che aiutano la psoriasi a regredire, oppure sottoporsi alla fototerapia, sfruttando l’azione positiva dei raggi UV su questa patologia. Se si desidera agire in modo più radicale, invece, si può procedere all’assunzione di farmaci: può trattarsi di farmaci tradizionali (di origine chimica, come i ritenoidi o gli immunosoppressori) o sistemici (di origine biologica, ovvero degli anticorpi che vengono assunti per via endovenosa o sottocutanea).

 
 

Psoriasi: cosa si puo mangiare

Data la cronicità della psoriasi, la prevenzione è molto importante: cercate di mantenere uno stile di vita sano e di non sottoporvi a uno stress eccessivo. Il fumo è un fattore che favorisce la comparsa di questa patologia e sarebbe quindi bene che smettiate, ai fini di un’efficace prevenzione.

Da questo punto di vista, la dieta ha un ruolo molto importante: mantenendo un regime alimentare salutare potete tenere la psoriasi sotto controllo e prevenirla. Determinati alimenti sono particolarmente benefici in questo senso: tutti quelli ricchi di vitamine, di Omega3 e acidi grassi, per esempio. Cercate quindi di includere molta frutta e verdura nella vostra dieta e di assumere pesce regolarmente, mentre sarebbe meglio diminuire l’assunzione di carne rossa e di grassi saturi. Può essere d’aiuto integrare nella propria dieta degli specifici integratori alimentari per potenziare le difese immunitarie. Uno di questi è senza dubbio la bevanda che contiene l’estratto di foglie di olivo.

 

Ti potrebbero interessare...