Curarsi senza farmaci grazie alle erbe

Curarsi senza farmaci grazie alle erbe
4 su 8 voti

antiossidanti oleuropeina

Spesso prendiamo medicinali per qualsiasi piccolo dolore o malessere; in molti casi, però, non è necessario ricorrere alla medicina tradizionale e si possono invece utilizzare delle erbe curative. Bisogna però fare attenzione sia nello scegliere le erbe, sia nel valutare quando il disturbo sia troppo grave per essere curato in modo naturale e necessiti dell’intervento di un medico.

 

Piante medicinali – libri consigliati:
alberi e arbusti libroalberi e arbusti libro

 

Le piante che fanno bene alla salute

aloe vera proprietàUna pianta curativa molto nota è l’Aloe Vera: l’uso più comune è quello esterno, sotto forma di un gel che viene utilizzato per idratare la pelle, combattere le irritazioni e le scottature solari, ma può anche essere assunta per via interna sotto forma di succo: il succo di Aloe Vera ha proprietà antinfiammatorie, aiuta la digestione e contribuisce ad attenuare i sintomi della colite ulcerosa. Ha inoltre azione immunostimolante e antiossidante; è però sconsigliato durante la gravidanza e l’allattamento.

 

artemisia proprietàUn’altra pianta reperibile in erboristeria è l’Artemisia, o Assenzio selvatico. Si tratta di una pianta utilizzata principalmente per favorire la digestione e contrastare i crampi mestruali, principalmente sotto forma di decotto. Il decotto può anche essere utilizzato per via esterna, in particolare per lavande vaginali o rettali.

 

 

agrimonia proprietàAnche l’agrimonia viene utilizzata sotto forma di infuso, sia per uso esterno che per uso interno: contribuisce infatti a depurare il fegato e a ridurre la glicemia, mentre per uso esterno ha proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti, antisettiche e analgesiche. È disponibile anche sotto forma di tintura madre, da sciogliere in acqua.



 

 

arnica proprietàUna pianta curativa molto nota è l’Arnica, che si trova facilmente in erboristeria sotto forma di gel o pomata. Nota per la sua azione analgesica, l’arnica è molto utilizzata nel caso di dolori muscolari o articolari, anche da trauma come può essere quello sportivo. È inoltre possibile utilizzarla anche sotto forma di olio, tintura madre oppure farne un decotto con i fiori secchi. Non bisogna però mai utilizzarla su ferite aperte né assumerla per via interna.

 

coriandolo proprietàIl coriandolo, invece, non è solo una spezia ma ha anche interessanti proprietà medicinali: può infatti essere utilizzato per preparare un decotto che aiuta la digestione, attenua il senso di fatica e stimola l’appetito. Se utilizzato per via esterna, inoltre, il decotto di coriandolo ha una funzione battericida e fungicida.

 

 

finocchio proprietàLo stesso vale per i semi di finocchio: oltre che per decorare pani e cracker, infatti, possono essere utilizzati per realizzare un decotto dalle proprietà diuretiche e digestive, adatto anche ai bambini. I semi di finocchio hanno anche proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

 

 

olio ricino proprietàAnche l’olio di ricino, che ha una pessima fama, ha in realtà ottime proprietà medicinali: può essere utilizzato sia esternamente, per rinforzare ciglia e capelli, sia internamente come lassativo. Viene utilizzato, ad esempio, per liberare il colon prima del parto o di un intervento chirurgico.

 

 

foglie olivo proprietàMeno note sono invece le foglie di olivo, le cui proprietà medicinali sono state scoperte negli ultimi anni: contengono infatti oleuropeina, una molecola che contrasta l’ipertensione, aiuta a controllare il peso e ha un effetto antiossidante. Le foglie possono essere consumate come decotto, facendo attenzione a non esagerare perché l’effetto è molto marcato.
Estratto di foglie di olivo come integratore ->

Ti potrebbero interessare...